Una poesia nel “Museo per la Memoria di Ustica” di Bologna

La direzione del Museo per la Memoria di Ustica ha accettato di pubblicare sul proprio sito la poesia Tutto ciò non era per voi che scrissi in memoria delle Vittime di quella strage.

Per loro è stato un piacere.
Per me è un grande onore.
Per le vittime un altro anniversario senza verità.

Vai alla pagina sul sito del Museo →

Io e “L’Eredità”: ecco com’è andata veramente

Martedì 15 gennaio 2019 va in onda su Rai 1 la puntata del programma televisivo l’Eredità in cui partecipo come concorrente. Molti di voi mi hanno già scritto in privato chiedendo di saperne di più: “Come hai fatto a partecipare?”, “Qual era il livello di tensione?”, “Viene tutto registrato di continuo?” e, soprattutto, “Perché non hai risposto a quella domanda?”. Come mio solito sarò rapido e conciso per arrivare subito ai punti interessanti dell’argomento.

eredita_me_2
Marco ancora felice perché “tutto facile” (… E il colletto della camicia che non sta su!)

Partiamo con il dire che l’attesa trascorsa dal momento dell’iscrizione (numero telefonico fornito anche durante il gioco) e la telefonata ricevuta per la convocazione al provino è stata di circa tre mesi. Infatti i primi giorni di dicembre mi sono recato a Bologna per prendere parte a questi “misteriosi” provini presso un hotel in zona centrale e assaporare così la mia prima, piccola vittoria Continua a leggere

Stefano Piccin (Viaggi nello spazio) recensisce “La regola del Numero Sette”

Riporto la recensione di Stefano Piccin apparsa sul blog ‘Viaggi nello spazio‘.

11427216_1134973116516356_6905937075657505586_n[1]Marco Eletti è un giovane scrittore italiano che per la prima volta si cimenta nello scrivere un romanzo di fantascienza proprio con questo La regola del Numero Sette, e devo dire che questa lettura mi ha particolarmente soddisfatto.

L’inizio del libro ci getta subito nel mood che sarà la costante di tutto il testo. Si parla di viaggi nel tempo. Già nelle prime pagine infatti si alterna il racconto in terza persona a quello in prima del protagonista del libro: Hector Nykol. In questa prima parte il protagonista si preoccupa di metterci al corrente della situazione e della tecnologia che gli hanno permesso di viaggiare nel tempo. Continua a leggere